Oroscopo di Richelieu

Postato il Aggiornato il

19.09.1585 – 09h 30m LMT – 09h 21m GMT
Parigi, Francia
Ascendente Scorpione, Sole in Vergine

Ecco come il grande astrologo Barbault descrive la personalità di Richelieu:
Angolarità  ravvicinata  di  Marte-Scorpione  ( AS )  e  distanziata  di  Venere-Leone
( MC) , con Sole e Mercurio nella Vergine .
Il regno e la vita del cardinale si svolgono all’insegna della lotta, di una lotta continua nella quale impiega tanto coraggio quanto genio.
Forza di volontà al servizio di un’aspra ambizione : ecco la risorsa di quest’eccezionale personalità che, una volta ministro, non tardò a dominare il Consiglio di re Luigi XIII il quale riconobbe in lui un maestro .
La sua politica fu quella di combattere fin dal momento in cui dedicò la sua ambizione al trionfo della causa monarchica . Egli intese creare l’unità territoriale della Francia all’interno e, all’estero, far abbassare la testa alla Casa d’Austria ricostituendo l’Europa secondo le vedute di Enrico IV . Per raggiungere questo duplice scopo era necessario rinsaldare la monarchia assoluta e abbattere tutti gli ostacoli, buoni o cattivi, suscettibili di intralciare la sua azione .
“Quando Vostra Maestà si risolse a concedermi l’ingresso nei suoi consigli, posso dire, in verità, che gli Ugonotti dividevano il potere dello Stato con Vostra Maestà, che i grandi signori si comportavano come se non fossero mai stati Suoi sudditi e che i più potenti governanti delle province agivano come se fossero Stati sovrani a loro volta . Le alleanze straniere erano disprezzate, gli interessi particolaristici erano preferiti a quelli pubblici ; in una parola, la Maestà Reale era talmente diminuita che era impossibile riconoscerLa . Io prometto a Vostra Maestà d’impiegare tutta la mia opera e tutta l’autorità che vorrà concedermi, per distruggere il partito ugonotto, far riabbassare l’orgoglio dei grandi, riportare tutti i sudditi ai loro doveri e risollevare il Suo nome al livello in cui dev’essere fra le nazioni straniere”.

Richelieu
Ecco il programma che s’impose. La sua azione non mancò di sollevare i peggiori ostacoli ; affrontò cabale, intrighi, odi fra i più tremendi, complotti e grossi pericoli . Ma fece capitolare tutti i ribelli che incontrò lungo il suo cammino ; li inseguì senza pietà, rese guerra a guerra, fece uso dell’esilio, delle confische, del terrore, delle persecuzioni e delle esecuzioni . Un tale uomo di Stato non riuscì mai simpatico : di fronte a lui la gente tremava . Ogni opposizione all’interno fu ridotta al silenzio fino a che non vi fu in Francia che un solo potere, quello del Re, e una sola volontà, quella del suo ministro .
Quest’azione eminentemente aggressiva e distruttrice, per i mezzi impiegati – dalla quale risalta chiaramente la segnatura Marte-Scorpione -, servì tuttavia a raggiungere uno scopo positivo e costruttivo – assimilabile alla Vergine – nella misura in cui quest’incomparabile servitore dello Stato costruì, col proprio dispotismo, la monarchia assoluta. Quella stessa monarchia assoluta della quale Enrico IV aveva gettato le basi e che Luigi XIV coronerà .

* Come detto nelle “Avvertenze” l’oroscopo di Richelieu l’abbiamo tratto dal Trattato di astrologia del Barbault
Richelieu : analisi grafologica di P.Moretti

Dall’analisi grafologica la figura di Richelieu risulta grandemente ridimensionata.
Cominciamo dal giudizio che il Grafologo deve dare sulla sua intelligenza,  eccolo : “E’ un’intelligenza che (….) sa cogliere le circostanze (….) per raggiungere lo scopo che si è prefissa” ; “E’ un’intelligenza che tende a brigare, a manipolare machiavellicamente, non badando alla liceità o meno dei mezzi” .
Fin qui il giudizio del Grafologo è un po’…..scontato. Ma ora viene l’interessante : ecco come il Grafologo continua nei suoi giudizi sull’intelligenza  della persona il cui scritto è stato sottoposto al suo esame (e ch’egli sa, sì, che è una persona importante, ma ignora sia il “genio della politica” Richelieu ) : tale persona ricorre “ a tutte le sorti di manipolazioni” perché “non ha la quantità intellettiva” per “compiti di alta entità” ; anche se stando attenta a “quello che dicono gli altri” e facendolo proprio riesce a farsi “vedere competente” in una data materia “mentre non ne capisce nulla”;  i suoi interventi, poi , non sono dettati da un’idea chiara ma nascono da idee confuse di modo che “non si indovina dove possa andare a finire, cosa che neppure lui sa intravedere”; per cui “se fosse a capo di un governo, sarebbe l’autore di disposizioni, controdisposizioni, di affermazioni e negazioni sulla stessa cosa, di alleanze e di rotture diplomatiche” .
Questo per quel che riguarda l’intelligenza del “grande” Richelieu ; e per quel che attiene al suo carattere ? Di male in peggio; leggiamo infatti quel che ci dice sul punto il Grafologo : il “soggetto” “ ha l’ambizione di figurare” per cui “in tutte le azioni ha l’impronta della solennità, del comando, della fermezza” – fermezza che però molte volte si rivela “solo apparente”; cosa per cui è capace di dare ordini perentori  senza poi curarsi della loro “esecuzione o ritirandoli per una futilità, come sarebbe per un motivo affettivo, di delicatezza di sentimento, di spirito contraddittorio” . E ancora : il “soggetto” “nelle decisioni tende ad essere unilaterale” e “ non ha la distinzione del bene dal male. E’ bene per lui quello che può favorire il suo spirito caustico, quello che lo può far emergere e stimare da coloro che lo attorniano e dalla folla” .
Conclusione drastica del Moretti : “Da tutto il detto risulta che è un essere incosciente, senza carattere”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...